Il nuovo prodotto per la cura della pelle di Marc Jacobs

La progressione dai prodotti chimici carichi a quelli più naturali è già iniziata e il più recente su questo carrozzone è nientemeno che Marc Jacobs L’iconico marchio di moda è pronto per fare la sua incursione nel mondo della cura della pelle con la nuovissima Crema Idratante per Retexturizing Youthquake Hydra-Full. Per essere una “crema idratante multitasking”, la crema al gel è caricata con enzimi naturali.

Alimentato da enzimi di ananas, la crema Youthquake sembra fornire un’idratazione profonda e funziona perfettamente per aumentare la luminosità. È fatto con il 54% di acqua ananas enzimatica e il 5% di ialuronato di sodio incapsulato, ingredienti che promettono di fornire un’idratazione duratura fino a 24 ore. Oltre ad essere infuso con la bontà tropicale di ananas, il gel viene fornito anche con l’essenza di estratti ricchi di carambole e di dracene.

Il prodotto è privo di parabeni, ftalati, SLS, solfati, formaldeide, olio minerale e altri ingredienti controversi e si dice che sia l’ideale per pelli da normali a secche. The Youthquake Gel di Marc Jacobs è già stato utilizzato da Lady Gaga al Met Gala ed è in vendita al prezzo di € 60.00 

Può essere acquistato online su marcjacobsbeauty.com.

La spiaggia diventa plastic free

Ogni estate si produce il 30 per cento in più di rifuti di plastica, 5 kg al giorno su ogni km di costa. Sempre più stabilimenti la mettono al bando

Si moltiplicano le spiagge “plastic free”, stabilimenti nei quali la plastica e gli oggetti realizzati con questo materiale sono messi al bando, sulla scia della direttiva europea che impone di ridurre la plastica usa e getta entro il 2021 (posate, piatti, bicchieri, cannucce, ecc da sostituire con prodotti realizzati in materiali biodegradabili e compostabili). 

Spiagge “plastic free”

Tra le prime località si è distinta Rimini, che già dallo scorso 15 aprile ha vietato l’uso di contenitori in plastica usa-e-getta. Tutta l’Emilia Romagna ha messo a punto un progetto, chiamato Plastic free 2023, che prevede politiche analoghe, così come ha fatto anche buona parte del litorale ligure: a Vernazza (Cinque Terre) già dal 1° gennaio 2019 tutte le attività commerciali e di ristorazione hanno vietato gli oggetti monouso in plastica. Da Lerici (Levante) ad Andora (Ponente) si moltiplicano gli stabilimenti balneari dove campeggiano cartelli con divieto di uso di bicchieri e posate in questo materiale.

Si chiama Pelagos Plastic Free, invece, il progetto dell’isola d’Elba, dove i comuni di Porto Azzurro, Capoliveri, Marciana Marina e Campo all’Elba hanno scelto prodotti riutilizzabili o compostabili anche nei supermercati.

Stessa linea per altri litorali come quelli delle Marche e del Lazio, dove a Sperlonga, ad esempio, si accede solo con borse della spesa e contenitore di carta.

In Campania, a Ischia e Capri multe salate (fino a 500 euro) per chi usa prodotti non riciclabili. La Puglia è stata poi la prima regione a bandire gli oggetti monouso in plastica, non solo nelle spiagge attrezzate, ma anche in quelle libere, con controlli rigidi e attenzione particolare alle isole Tremiti, dove lo scorso anno sono state trovate concentrazioni di microplastiche tra le più elevate d’Italia. Politiche analoghe sono state adottate anche in Sardegna (da Olbia a Stintino, fino a Carloforte) e in Sicilia, dove i divieti a San Vito Lo Capo sono scattati il 1° maggio scorso mentre a Taormina entreranno in vigore da agosto.

Estate, più inquinamento su spiagge e mari

 Francia, Italia e Turchia, affacciati sul Mediterraneo, producono oltre 24 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica ogni anno” spiega il WWF. “Il problema aumenta in estate con un flusso turistico che fa salire del 30 per cento la produzione di rifiuti plastici. Il nostro Paese produce 4 milioni di tonnellate di plastica all’anno, dei quali l’80 per cento proviene dall’industria degli imballaggi. Ogni anno solo l’Italia riversa in natura mezzo milione di tonnellate di rifiuti plastici.  

Il nostro Paese produce oltre 4 milioni di tonnellate di rifiuti, dei quali l’80 per cento proviene dall’industria degli imballaggi. Ogni anno solo l’Italia riversa in natura mezzo milione di tonnellate di rifiuti plastici. L’emergenza cresce durante il periodo estivo. “I cittadini e i turisti, la maggior parte provenienti da Francia, Italia e Turchia, producono nei mesi estivi il 30 per cento in più rispetto al resto dell’anno” spiega il WWF.

Più sensibili al problema?

 “Quella della plastica è una vera emergenza, una delle sei più grandi problematiche globali e viene sicuramente percepita di più rispetto al cambiamento climatico, su cui c’è un forte negazionismo da parte del mondo dell’industria. Chiunque di noi può vedere il capodoglio o la tartaruga spiaggiata per aver mangiato plastica. Per agire, però, occorre intervenire a livello di abitudini” spiega Eva Alessi, responsabile programma Consumi sostenibili del WWF, che quest’anno ha organizzato il Tour plasticfree 2019, per ripulire spiagge e fondali dalla plastica, lungo i litorali italiani, con 6 tappe fino al 31 agosto.

Come vengono sostituiti gli oggetti di plastica?

“Ogni giorno su ogni chilometro di costa si accumulano in media oltre 5 kg di plastica che è dispersa nel mare. La costa della Cilicia, in Turchia, è la più inquinata del Mediterraneo, ma anche altre comunità costiere sono particolarmente colpite. In molti casi si tratta delle principali mete turistiche come Barcellona, Tel-Aviv, Valencia, la spiaggia di Marsiglia e Venezia e le coste prossime al Delta del Po” denuncia il WWF, che in una sola giornata di volontariato, lo scorso 7 aprile a Palidoro, lungo il litorale nord di Roma, ha raccolto circa 1.500 kg di rifiuti nell’ambito della campagna #plastifree, per un totale di oltre 3.000 “reperti”. “Nelle spiagge delle località che hanno deciso di mettere al bando la plastica il primo passo è sicuramente quello di sostituire gli oggetti monouso in questo materiale con altri biodegradabili, come la carta, ma in realtà dovremmo fare un passo in più, usando per esempio bicchieri di vetro o posate di metalli o piatti di ceramica. Non possiamo pensare di sostituire 500 kg di piatti in plastica con altrettanti in carta, bioplastiche o bambù, perché se è vero che non rimarranno per 600 anni nell’ambiente, questi materiali devono essere coltivati, raccolti, lavorati e trasportati, con notevole inquinamento e impatto ambientale” spiega Eva Alessi.

Ogni settimana “ci mangiamo” una carta di credito

“L’obiettivo è rinunciare a qualche comodità. Ormai non c’è più spazio per i rifiuti: abbiamo trovato carte di caramelle alla Fossa delle Marianne. Ormai ognuno di noi ha dentro di sé microfibre di plastica: l’ultimo report ci segnala che ciascuno mangia ogni settimana l’equivalente di una carta di credito o una penna, pari a 5 grammi di plastica; ogni 3 settimane è come se ingerissimo un pettine” continua l’esperta. “Si parla molto delle cannucce, ma basta sostituirle con quelle in materiali biodegradabili: dovremmo semplicemente rinunciarvi e bere anche i cocktail dal bicchiere come facciamo per l’acqua” prosegue la responsabile consumi sostenibili del WWF, che a proposito dell’acqua ricorda: “Le raccomandazioni sulla salute ci ricordano che dovremmo bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno, pari a una bottiglia da 20 grammi, che in un anno significano 7 kg di plastica buttati via per ciascuno: possiamo bere l’acqua del rubinetto che in Italia, salvo rare eccezioni, è controllatissima e sempre a disposizione”. Un altro esempio, infine, è dato dalle salviettine umidificate per le mani, per i bambini o per struccarsi: “È vero che sono comode, specie fuori casa, ma sono fatte di fibre plastiche che non si degradano” conclude l’esperta del WWF.

Elegante e Tenace: Benedetta Boroli

Benedetta è talentuosa e determinata. La sua passione per le scarpe nasce da bambina, curiosando nell’armadio della nonna tra decine di paia di calzature. 

È elegante e tenace Benedetta Boroli, nata a Novara 29 anni fa. Occhi castani intelligenti, modi gentili: la guardi e capisci che Kate Middleton può essere un gene del proprio patrimonio. Le idee chiare, da cui la tenacia, le ha acquisite invece con l’esperienza di chi sa che a volte conta più il viaggio che la destinazione. Così Benedetta salpa per quel mare che è l’Economia (e gestione dei Beni Culturali nel suo caso) e impara la sostanza delle cose. Poi un lavoro che è come un trampolino di lancio verso una nuova vita. Una vita fatta di scarpe ed eleganza, appunto.

La passione per i tacchi la eredita dalla nonna, una famiglia al femminile – mamma e due sorelle più piccole – fa il resto. Al liceo alterna ai compiti i primi bozzetti. Ma ci vuole di più. Così, sostenuta da parenti e amici, si iscrive alla Arsutoria e poi via verso un’esperienza a Padova. Tutto è pronto: nasce la prima linea per la primavera estate 2017 che prende il suo nome. benedetta boroli tutto corsivo e tutto minuscolo. “Il mio nome ha lettere ‘alte’, come i tacchi”, ci spiega. Simbolo del brand una freccia hi-tech che è sia emblema di un’altra sua passione (il tiro con l’arco), sia la summa del suo progetto, unire tradizione e innovazione.

Le scarpe realizzate da Benedetta sono infatti un sofisticato mix di materiali tecnologici, ancora poco utilizzati nel mondo della moda, alternati a texture più classicamente eleganti. Il risultato è una collezione che la rispecchia, ideale per chi, come lei, vive la città e sincronizza il passo a quello della metropoli. Non a caso tutti i modelli prendono il nome da Milano città dove vive e lavora.

3 aggettivi per descrivere le sue scarpe…
“Tecnologiche, eleganti, contemporanee”.

Si dice che le scarpe svelino la personalità di una donna … A che tipo di donna ti ispiri per le tue creazioni?
“Mi ispiro a tutte le donne che amano le calzature eleganti. Ma anche alle donne che corrono tutto il giorno, che lavorano, che non hanno il tempo di tornare a casa la sera a cambiarsi d’abito prima di uscire…” 

Sotto il jeans: decolleté o ballerine? 
“Assolutamente scarpe col tacco … sono un’elegante romantica”.

L’obiettivo: creare scarpe femminili e portabili adatte a una passeggiata in Piazza Castello come a una cena in Tortona.

Giorgio Armani

Giorgio Armani compie oggi 84 anni. Simbolo del made in Italy, lancia la sua prima collezione nel lontano 1975 ed ancora oggi continua a regalarci la sua arte caratterizzata da tradizione e artigianalità, famosa in tutto il mondo. Con una carriera lunga più di 50 anni ed innumerevoli successi alle spalle, ripercorriamo nel giorno del suo compleanno i momenti più salienti della sua professione!

Armani si affaccia al mondo della moda in maniera alquanto insolita. Il giovane piacentino, infatti, sognava inizialmente di diventare un medico. Solo dopo essersi iscritto all’Università capisce di non essere adatto a quel tipo di professione, ed è lavorando come vetrinista della Rinascente che scopre la sua vera passione! Tra una promozione e l’altra, diventa dapprima stilista per Nino Cerruti e, successivamente inizia a lavorare come freelance per altri brand.

La svolta avviene nel 1975, quando fonda insieme al suo socio Sergio Galeotti, la sua omonima casa di moda con sede a Milano. Pochi mesi dopo lancia la sua prima collezione di prêt-à-porter Primavera/Estate 1976. Inizia così la sua ascesa verso il successo che in poco tempo lo porterà ad espandersi oltreoceano, creando la Giorgio Armani Corporation.

Ad accrescere la popolarità di Armani è stato poi, il suo contributo nel mondo del cinema. Nel 1980 produce l’interno guardaroba di Richard Gere, protagonista di “American Gigolò”; ed ancora, disegna gli abiti per celebri pellicole quali “Il Cavaliere Oscuro”, “The Wolf Of Wall Street”, “Phenomena”, “Gli intoccabili”, “Cadillac Man”, “Ransom” e “The Counselor”.

Lo stile di Armani si caratterizza fin da subito per la sua semplicità ed eleganza, nelle forme e nel taglio delle iconiche giacche. Ma lo stilista, amante dei viaggi, più di una volta ha presentato collezioni ispirate proprio alle lontane terre e culture da lui stesso visitate. Dallo stile esotico a quello orientale, nel 1981 ha creato una collezione ispirata ai samurai di Kurosawa che ha riproposto in innumerevoli varienti nella Haute Couture, come nella collezione Armani Privè Autunno/Inverno 2011, richiamando accessori e motivi nipponici.

Con l’apertura della linea Emporio Armani, lo stilista sceglie poi di rivolgersi ad una clientela più casual. Differenziandosi dalla linea precedente, trae ispirazione dal mondo dello sport per concepire un nuovo stile, dinamico e giovanile.

Nel 2000 lancia poi a Parigi la sua linea di Haute Couture: Armani Privé. Con abiti lunghi e sontuosi, l’utilizzo di taffetà e cristalli, Armani dimostra ancora una volta la sua ecletticità nel passare dalla creazione di un capo daywear ad uno di alta moda.

In occasione dei suoi 40 anni di attività, nel 2015 lo stilista ha inaugurato a Milano l’Armani Silos. Uno spazio espositivo in cui si alternano mostre ed incontri, che nasce per celebrare l’arte, la moda e la creatività.

A distanza di anni, dunque, l’Impero Armani continua ad espandersi brillantemente, e per lo stilista la parola “fine” sembra ancora lontana!

La nuova felicità?

La nuova felicità? Restare offline. Per il bene di tutti. Se non usi lo smartphone al ristorante, ad esempio, il dolce è gratis nelle catene Le Pain Quotidien degli Stati Uniti. In alcuni hotel di lusso, come il Mandarin Oriental di New York, si può richiedere il servizio ‘no wi-fi’ fra le amenities e la ‘digital detox’ è nel menù della Spa, dove i telefonini vanno depositati all’ingresso (e all’uscita vengono riconsegnati puliti e lucidati). Chi ama il ‘fai da te’ può invece provare le nuove App per lo smartphone che frenano a monte il flusso di connessioni e il bombardamento social oppure passare al dumb-phone (cellulari vecchi stampo, senza connessione internet), come fanno sempre più manager e ricconi londinesi. 


Siamo troppo appiccicati al telefonino e dopo l’abbuffata digital seguirà la dieta. Il 2019 è infatti l’anno dell’astinenza digitale e delle vacanze dal telefonino? Niente internet, niente social, niente followers è il nuovo lusso per i sempre più numerosi ‘tecnofobici’ che non vogliono più essere sempre reperibili e vanno alla ricerca di nuovo relax, contemplazione, rapporti con gente in carne ed ossa e natura come fonte di felicità, pace e nuove forze. 

Il fenomeno è stato analizzato all’ultimo Global Wellness Summit (GWS)svolto a Cesena. Gli ‘scollegati’ nel 2018 sono scesi al 37%, erano il 50% nel 2017. Il lavoro richiede di essere sempre più reperibili e la fame da rapporti social fa il resto perciò non si riesce più a staccare gli occhi dallo schermo dello smartphone. Cresce così il popolo degli infelici digitali sempre sotto pressione. Ha dichiarato l’economista inglese Thierry Malleret al Summit di Cesena: “Non siamo tutti già tecnofobici ma il 2018 è stato l’anno del battesimo di chi, a forza di essere sempre reperibile o dipendente da internet, si sente male, più infelice e perfino meno produttivo. Il 2019 sarà quindi l’anno del recupero del proprio stato mentale restando ‘unplugged’. 

Il 59% degli americani si sente troppo distratto a causa del lavoro che lo segue con lo smartphone anche durante le vacanze, attesta una vasta indagine sulle famiglie in viaggio negli States condotta da Alamo Rent a Car. La percentuale media dei ‘sempre connessi’ nel tempo libero è scesa dal 36% al 27% nel 2018. Anche ‘condividere’ le proprie vacanze con i colleghi tramite selfie e fotografie postate sui social è in declino. I millennials sono i più ‘tecnofobici’ e i nati fra il 1980 e il 2000 che non si staccano mai dai social anche durante le ferie sono scesi dal 68% al 38% in un anno.


Spiegano gli analisti del report GWS: “La reazione contro Big-Tech è appena iniziata. Aumentano le ricerche che attestano i disastrosi effetti delle connessioni digital e social costanti sul nostro cervello e sulla felicità. Siamo al punto che la tech-addiction è pari alla dipendenza da fumo di una decina di anni fa’, in cui si assistiva ad una iniziale riluttanza dei cittadini a riconoscerne gli effetti negativi sulla salute ma anche ad una presa di coscienza che è aumentata di anno in anno. Il mondo del wellness di lusso quindi si focalizza sempre di più su questo aspetto e offre soprattutto tempo ‘off’ e cure per digital addicted”.

Il business del benessere abbandona la tecnologia e prende una piega perfino monastica in nome del silenzio rigenerante e trattamenti rilassanti a zero innovazione hi-tech, niente wi-fi e niente social. Il report mondiale cita l’Italia come fonte per ritemprarsi dall’overdose di smarpthone: dall’ Eremito di Parrano, monastero ristrutturato vicino ad Orvieto che propone pacchetti silenzio, nessun wi-fi, sale illuminate da candele e ‘ritiri benessere’ di 50 ore, al faro di Capel Rosso, sull’Isola del Giglio, che offre corsi di digital detox immersi nella natura. Aumenta inoltre il numero dei club del fitness, dei centri yoga, tai-chi e di meditazione in cui è caldamente sconsigliato l’uso del cellulare. 


Per contenere il generale e crescente malcontento ‘digitale’ è possibile infine modificare le impostazioni del proprio smartphone con applicazioni anti-social. Di successo l’App ‘Off the Grip-digital detox’ che filtra l’uso del cellulare a cena, la notte e blocca il tempo in cui si è online se si supera il limite stabilito. Supera i 100.000 download l’App ‘Stay Focused – App Block’ che aiuta a concentrarsi sul lavoro o durante lo studio bloccano i social a tempo. Il business si fa interessante tanto che anche la rinomata giornalista fondatrice dell’Huffington Post, Arianna Huffington, ha fiutato le nuove dipendenze digitali fondando l’App ‘ThriveAway’ per settare limiti orari ad email, Apps, notifiche e tempo passato avanti allo schermo.

IUTA GLAMPING & FARM

Non è stato il mare, la campagna, il profumo di limoni e arance, la vita lenta per finta perché passa troppo in fretta, il sole, il cielo azzurro e il desiderio di cambiare, a far nascere la nostra IUTA.

Che non è una figlia ma è come se lo fosse. Iuta esiste perché, era-l’unica-via-possibile.
La nostra unica via per raccontare una storia d’amore. Amore per la terra.
Amore per madre natura. Che è madre di iuta ed è pure madre tua. Fidati!
Amore per i sogni che non fa male raccontare. Non dimenticarli.
Amore per tutti quelli che decideranno di passare del tempo con noi e da noi.
Iuta è casa nostra, si. Ma è anche casa vostra.

Non è un film, ma poco ci manca! 

Elena e Giulio sono amici di infanzia e pochi anni fa si innamorano.

Lei vive e lavora a Milano, lui a Vicenza (loro città natale). Elena è una pr ed event manager, Giulio ha un’agenzia di affitti vacanze a New York.

Capiscono subito che lui non andrà a Milano e lei non tornerà mai a Vicenza.

Intuiscono che la soluzione è una terza meta e scelgono la Sicilia, terra dei loro padri. 
Non siete già in brodo di giuggiole? 

La meta stabilita è una delle città più belle al mondo, Noto.

Ed è lì che si concretizza il loro progetto, lo Iuta glamping & farm.

Una proprietà di 13 ettari coltivati ad olivi, mandorle, piante officinali, arance, limoni, carrube e alberi da frutto. Iuta è una collina e nella sua vallata, immersi tra gli ulivi, si trovano i cinque lodges. Strutture che ricordano il safari africano, con 30 mq. interni e 10 mq. di veranda coperta.

Prodotti biologici per il corpo, una piscina a sale adiacente alla zona living dove preparano le colazioni con prodotti locali, biologici e rigorosamente di stagione. 
Un progetto che è un work in progress continuo, e che rivela ad ogni suo dispiegarsi qualche piega di questo amore folle, tra Elena e Giulio e tra loro e questo territorio meraviglioso.

Non sappiamo bene come andrà a finire, ma è proprio questo quello che ci si aspetta da una storia d’amore.

IUTA GLAMPING & FARM
Contrada Bochini Noto (SR)
tel +39 349 9604 359
e-mail hello@iuta.farm

Suite della settimana: la lussuosa villa Marvelous con 1 camera da letto con piscina al W Bali, Seminyak

La città turistica di Bali è affollata da milioni di turisti provenienti da paesi lontani, australiani e dai cinesi agli indiani e agli arabi, ogni turista in vacanza approfitta del breve volo e del clima tropicale della città più famosa dell’Indonesia. Mentre il panorama dell’ospitalità di Bali è sede di molti hotel/resort, uno dei nostri marchi preferiti è il W Bali . Dalla sua atmosfera chic e rilassata al suo arredamento tagliente e d’avanguardia, il W Bali Seminyak soddisfa tutte le nostre esigenze. Il W Bali fa parte del gruppo di hotel Marriott, la lussuosa proprietà è un paradiso tropicale, circondato da lussureggianti paesaggi verdi e da un’invidiabile posizione di fronte all’oceano.

Mentre l’hotel ospita 10 ville/suite, raccomandiamo senza dubbio la meravigliosa villa con camera da letto con piscina. E’ una tavolozza di colori beige e bianco e punteggiata da vivaci colori pop, la villa di 130 mq è circondata da un’oasi. Servizi all’avanguardia per la tua stanza, mentre la terrazza privata e la piscina per tuffi rendono i pomeriggi più intimi e favolosi.

Ogni camera da letto include il letto king size della firma W, arredato con lenzuola egiziane a 350 fili e un piumino d’oca morbido. Il bagno principale è adornato con una vasca da bagno in terrazzo e si apre su un lettino bale Begong che si trova accanto alla piscina di 43 mq. Il design e l’arredamento della villa rendono omaggio all’ambiente verde delle risaie e all’atmosfera dell’isola. Inoltre, la suite comprende anche una stazione barbecue e una doccia separata con foresta pluviale. 

Durante il tuo soggiorno, custodisci i servizi pluripremiati del servizio Whatever / Wherever Valet Service, il nome perfetto assegnato al tuo maggiordomo su chiamata.

Superficie: 1410 piedi quadrati o 130 m² 
Occupazione: 3 adulti 
Prezzo: IDR 7.000.000 ++ (500 USD)

Dove: W Bali – Seminyak 
Jl. Petitenget Kerobokan, Seminyak, Kec. Kuta Utara, 
Kabupaten Badung, Bali 80361, Indonesia 
Telefono: +62 361 3000106

Il walkman, la musica da passeggio compie 40 anni

Steve Jobs lo definì un mattone mal digerendo che la figlia Lisa ascoltasse musica da quella scatoletta ingombrante. Tuttavia prima ancora che ci fosse l’iPod o l’iPhone, c’era il Walkman. Quella scatoletta, a dispetto di Jobs, 40 anni fa rivoluzionò il modo di ascoltare la musica. Era il 1 luglio del 1979 quando Sony introdusse sul mercato il dispositivo, un lettore di musicassette, che sarebbe diventato una delle creazioni tecnologiche di maggior successo anche dal punto di vista commerciale soprattutto negli anni ottanta. Offrendo la possibilità di portare la musica sempre con sé divenne inoltre l’icona di un’intera generazione. Creato da Akio Morita, Masaru Ibuka e Kozo Ōsone, e prodotto dalla Sony che ne registrò anche il marchio, il Walkman ebbe il vero e proprio lancio a livello globale grazie al film ‘Il tempo delle mele’ (1980). In una scena passata alla storia, infatti, la protagonista Vic (all’epoca una giovanissima Sophie Marceau) indossava un paio di cuffie e ascoltava musica romantica nella baraonda di una festa assieme al suo ragazzo proprio da un Walkman. Fu quella scena a fare del dispositivo un’icona della generazione degli anni ’80.

Il prototipo del Walkman fu ispirato da registratore a cassette usato dai giornalisti e conosciuto come Sony Pressman. Anche se simile nell’aspetto, il Walkman sostituì la capacità di registrare con la capacità di riproduzione stereo. “Questo è il prodotto – disse allora Akio Morita (presidente di Sony. Ndr) – che soddisferà le esigenze di quei giovani che vogliono ascoltare musica tutti i giorni. Lo porteranno ovunque”. Il primo modello, di colore blu e argento, fu lanciato in Giappone il 1 luglio del 1979 e venduto all’equivalente di 150 dollari. L’anno successivo arrivò anche negli Stati Uniti. Fu subito un successo. Geniale anche l’idea di dotarlo di due jack anziché uno in modo che due persone potessero ascoltare musica allo stesso tempo. Il Walkman sopravvisse anche all’epoca del Cd sotto forma di un nuovo dispositivo, il Discman, dalle misure un po’ più grandi appunto da contenere un compact disc. Entrò sul mercato nel 1984. Il declino a partire dal 2001 con l’avvento della musica digitale e l’introduzione sul mercato dell’iPod. Il Walkman fu mandato in pensione definitivamente nel 2010.

Qual è il farmaco che cura almeno 16 malattie?

C’è un farmaco di cui ultimamente si parla molto. Soprattutto durante questa stagione.

Forse lo avevate capito, ma ve lo ripetiamo noi e ve lo spieghiamo per bene. Il mare non è soltanto un luogo ideale per una vacanza estiva. E’ infatti uno dei più potenti farmaci naturali, quindi, programmate una lunga vacanza al mare per ricaricare le pile per tutto l’anno. Naturalmente, noi vi consigliamo le stupende spiagge venete: ne avete una vasta gamma di scelta: abbiamo molte bandiere blu, zone attrezzate per famiglie e tantissimi luoghi da scoprire.

Quali sono gli effetti curativi? 

Il primo, che sicuramente conoscerete, è quello legato alla quantità di sali minerali che l’aria vicina alla costa contiene. Il cloruro di sodio, di magnesio, iodio, calcio, potassio, bromo e silicio provengono dalle onde che si rompono alla riva. Tutto ciò genera beneficio per i polmoni e migliora il respiro.

La presenza di notevoli sali minerali nell’acqua marina favorisce l’eliminazione dei liquidi accumulati nei tessuti migliorando la salute e la ritenzione idrica. Il sale dell’acqua stimola anche le terminazioni nervose dell’epidermide e quindi accelera il metabolismo. Che significa? Che potreste perdere peso semplicemente andandovi a fare un bagno al mare. I meriti dei chili di troppo persi, quindi, non saranno solo merito della prova costume. Il corpo trae beneficio anche da una semplice nuotata che scioglie le contratture e riattiva la mobilità nelle articolazioni.

Inoltre il mare è una vera e propria terapia per il sistema circolatorio (grazie alla pressione dell’acqua) nonché ai reni (sempre grazie alla salvifica acqua del mare).

LE 10 CITTÀ PIÙ IN FORMA D’ITALIA, LIVORNO AL TOP

Il numero di palestre, centri sportivi, studi di yoga e arti marziali, fast food, tradizioni culinarie e percentuale di persone in buona forma: mettendo a confronto tutto questo ecco una classifica realizzata dal motore di ricerca per case vacanza Holidu.it e tanti consigli utili degli indirizzi giusti per ciascuna località.

La top 10 delle città più in forma d’Italia:

1. Livorno – Indice di fitness: 7.6 / 10

La città offre un mix di culture incredibile e ha davvero moltissime prelibatezze, tra cui il tradizionale caciucco. I livornesi potranno stare sereni, perché, nonostante il buon cibo, la città riesce ad aggiudicarsi il primo posto con un ottimo indice di persone in buona salute di 8.64.
Come restare in forma a Livorno: Un modo divertente per restare in forma è praticando arti marziali, tra queste una delle più conosciute è il karate. A Livorno c’è un centro specializzato per questo: la A.s.d Esercito – 187° Folgore, qui è possibile imparare qualcosa di più su quest’arte antica e praticarla in gruppo. Per chi vive di adrenalina cosa potrebbe offrire una città di mare se non un corso estremo di torrentismo? L’associazione sportiva Vienianchetu organizza lezioni per tutti i livelli, preparatevi per emozioni forti!

 2. Novara – Indice di fitness: 7.4 / 10

La città industriale piemontese, a metà strada tra Milano e Torino, è tra le più in forma d’Italia: dai dati emerge che ci sono, inoltre, molte opportunità di mangiare sano e pochissimi fast food! 

Come restare in forma a Novara: Ci sono molte possibilità di bruciare calorie a Novara, una di queste sono le discipline orientali, e quale posto migliore del centro sportivo Amos? A pochi passi dal centro città, ecco il posto perfetto per praticare karate, kick boxing, yoga, pilates e molto altro. Per gli appassionati di sport a 360°, la ASHD Novara offre da 35 anni dei corsi di ogni tipo per tutti coloro che hanno diversi tipi di handicap: atletica, nuoto, calcio, tennis, equitazione, tiro a segno e molto altro!

3. Cagliari – Indice di fitness: 7.3 / 10
Cagliari chiude il podio con un punteggio totale di 7.31, oltre ad essere al primo posto tra le città con più densità di stabilimenti sportivi. Dai dati emerge anche un’alta densità di fast food, ma qui sarà comunque facile restare in forma; c’è, infatti, una densità di 8.5 stabilimenti sportivi ogni 10.000 abitanti.
Come restare in forma a Cagliari: A Cagliari non è difficile restare in forma, tanti centri sportivi con vista mare sono a disposizione di chi vuole allenarsi. Ad esempio, l’ASD Athlon, nel quartiere Bonaria, offre moltissimi corsi: gag, pilates, zumba, e tanto altro. Chi volesse sperimentare qualcosa di diverso dal solito potrà recarsi in una stupenda azienda agricola a poco più di una ventina di km da Cagliari. Qui, si trova la ASD Skydive Sardegna e ci si deve davvero preparare ad un’esperienza indimenticabile: sarà possibile praticare lancio in tandem e paracadutismo!

4. Genova – Indice di fitness: 7.3 / 10
Il capoluogo ligure si aggiudica il quarto posto con un indice di fitness di 7.31. La bella Genova, signora del mare, cantata da grandi artisti come Paolo Conte e Cristiano De André, è anche tra le più sane d’Italia. Nonostante la gustosissima focaccia, qui si riesce anche a stare in forma!
Come restare in forma a Genova: La ASD GS Aragno, nel quartiere Prà, è uno dei centri più completi per allenarsi con tante attività diverse. Qui si possono praticare nuoto, zumba, piloxing, e i particolarissimi tabata, onekor e glam dance. I più temerari troveranno pane per i propri denti, grazie allo staff di Liguriadventure. A Genova e alle Cinque Terre, è possibile, infatti, fare parapendio, torrentismo, arrampicata, surf e speed riding.

5. Monza – Indice di fitness: 7.1 / 10
A metà classifica si trova Monza con un indice di fitness di 7.05 su 10. Già tra le città più verdi d’Italia, secondo i Dati Ambiente Istat, Monza non ha eguali anche per quanto riguarda la salute! La forma fisica dei suoi abitanti raggiunge, infatti, un picco di 9.7 su 10. Che sia all’aria aperta o in palestra, sarà possibile smaltire facilmente le prelibatezze culinarie lombarde!
Come restare in forma a Monza: Il parco di Monza può soddisfare qualsiasi richiesta in fatto di sport! Qui è possibile, infatti, praticare golf al Golf Club Milano, che comprende più di 100 ettari, 27 buche e tre percorsi. Per chi amasse il rombo dei motori, sarà possibile prendere parte ad una vera e propria esperienza in pista all’Autodromo di Monza, sempre all’interno del parco. Tra le altre attività, c’è la possibilità di partecipare a maratone, biciclettate senza sosta e avventure in percorsi acrobatici.

6. Bolzano – Indice di fitness: 7 / 10
Bolzano si aggiudica il sesto posto in classifica con un indice di fitness di 7 su 10. Niente male per la città trentina, già incoronata come “provincia più sana d’Italia”, secondo i dati Istat. Anche nella nostra classifica, infatti, Bolzano raggiunge un 10 pieno per la forma fisica dei suoi abitanti!
Come restare in forma a Bolzano: Come si può ben intuire, gli abitanti di Bolzano amano restare in forma praticando sport di montagna! E come potrebbe essere altrimenti? Il bellissimo panorama delle Dolomiti si presta non solo allo sci, ma anche a ciaspolate, arrampicate e escursioni, corse e competizioni in bici tutto l’anno.

7. Ancona – Indice di fitness: 6.9 / 10

Il capoluogo delle Marche si aggiudica il settimo posto con un dignitosissimo 6.9 su 10, poco distante da Bolzano. Ancona, città di mare che si affaccia sulle coste dell’Adriatico, eccelle soprattutto nella presenza di scelte culinarie sane, ci sono infatti pochissimi fast food e tantissima scelta di ristoranti con pesce fresco.
Come restare in forma ad Ancona: Ad Ancona e nella vicina Senigallia, è possibile praticare moltissimi sport, tra cui pesca sportiva e sailing al tramonto! Tra le svariate possibilità, lo staff di Conero Boat organizza battute di pesca a Bolentino, lezioni di sci nautico e suggestivi tour privati in barca, per stare in forma…ma con stile.

8. Prato – Indice di fitness: 6.9 / 10
La città toscana di Prato si aggiudica il terzultimo posto in classifica con un punteggio di 6.86. Tra gli indici più alti ci sono la forma fisica dei suoi abitanti (8.6) e la quasi assenza di fast food (9.4), l’unica pecca sembra essere il numero di stabilimenti sportivi, con un punteggio di 2.6. 
Come restare in forma a Prato: Nonostante la scarsa densità di stabilimenti sportivi, proprio a Prato, poco distante dal parco degli Ulivi, si trova il Crazy Center e già il nome è tutto un programma! Qui sarà possibile praticare arrampicata, pole dance, calisthenichs, tai chi chuan, slackline, tessuti aerei, tricking, yoga e pilates.

9. Bergamo – Indice di fitness: 6.6 / 10
Al nono posto Bergamo, con un indice totale di fitness di 6.6, la città eccelle particolarmente nella forma fisica dei propri abitanti (ben 8.3 / 10). Tra i centri più popolosi della Lombardia, Bergamo riesce ad essere fra le più in forma, nonostante i deliziosi casoncelli e la tradizionale polenta.

Come restare in forma a Bergamo: A Bergamo, c’è la possibilità di praticare sport davvero estremi! La natura circostante permette a principianti ed esperti di sperimentare, tra fiumi impervi e pareti rocciose. Sul sito ufficiale del turismo bergamasco, è possibile scoprirne moltissimi! Tra i più belli ci sono: parapendio, arrampicata, paracadutismo, windsurf, kitesurf e canyoing.

10. Trento – Indice di fitness: 6.5 / 10
L’ultimo posto della classifica se lo aggiudica Trento, con un indice di fitness di 6.46 su 10. La Top 10 si chiude quindi in Trentino, proprio nel capoluogo. La forma fisica dei suoi abitanti è eccellente, con un indice di 10 / 10, mentre il voto più basso riguarda gli stabilimenti sportivi, solo 5.23.

Come restare in forma a Trento: Nonostante le abbuffate di strudel, non sarà difficile restare in forma a Trento! Questo anche grazie alle iniziative del Comune, che sul proprio sito ufficiale, offre una lista completa di tutti gli stabilimenti sportivi e di tutti i possibili sport, che si possono praticare in città. Tra questi, i più tradizionali sono: pallacanestro, equitazione, nuoto e calcio, ma tra i più curiosi ci sono anche cricket, arti marziali, orienteering e tiro con l’arco.

Per maggiori approfondimenti: http://www.holidu.it