“VIENNA È IN CIMA”

Vienna

VIENNA È IN CIMA ALLA CLASSIFICA DELLA 21A QUALITÀ DELLA VITA DI MERCER

La capitale austriaca ha avuto la più alta qualità di vita al mondo per un decennio

L’Europa occidentale domina la nuova classifica di sicurezza di Mercer con il Lussemburgo in cima alla lista

Sono tante le città europee che meritano un viaggio. Ma quando si tratta di qualità della vita, una in particolare è al top da anni: Vienna. La società americana di consulenza Mercer ha pubblicato la classifica delle città più vivibili al mondo. E’ al vertice del ranking – per il decimo anno di fila – c’è la capitale austriaca. Nella top 10 ci sono ben 8 città europee, tra queste Zurigo(in seconda posizione), Monaco di Baviera (terza) Dusseldorf (sesta) seguita da Francoforte, Copenaghen, Ginevra e Basilea.

Le tensioni commerciali e le correnti sotterranee populiste continuano a dominare il clima economico globale. In combinazione con lo spettro della stretta e della volatilità della politica monetaria che incombe sui mercati, le aziende internazionali sono più che mai costrette a portare a termine le loro operazioni all’estero. 21 di Mercer annuale sulla qualità della vita dimostra che molte città in tutto il mondo ancora offrono ambienti attraenti in cui fare affari, e la migliore capire che la qualità della vita è una componente essenziale di attrattività di una città per le imprese e il talento mobile.

A livello globale, Vienna è in cima alla classifica per il 10 ° anno consecutivo, seguito da vicino da (2) Zurigo. In terzo luogo congiunto sono Auckland, Monaco e Vancouver – la città più alta del Nord America negli ultimi 10 anni. Singapore (25), Montevideo (78) e Port Louis (83) mantengono il loro status rispettivamente nelle città più alte in Asia, Sud America e Africa. Nonostante sia ancora presente nella parte inferiore della qualità della lista vivente, Baghdad ha assistito a significativi miglioramenti relativi sia ai servizi di sicurezza che a quelli sanitari. Caracas, tuttavia, ha visto diminuire gli standard di vita a seguito di una significativa instabilità politica ed economica.

“Le solide capacità sul campo sono parte integrante delle operazioni globali della maggior parte delle aziende internazionali e sono in gran parte guidate dal benessere personale e professionale delle persone che le aziende collocano in tali luoghi”, ha affermato Ilya Bonic, Senior Partner e President della carriera di Mercer. “Le aziende che cercano di espandersi all’estero hanno una serie di considerazioni quando identificano dove è meglio individuare personale e nuovi uffici. La chiave è rappresentata da dati rilevanti e affidabili e da misurazioni standardizzate, essenziali per consentire ai datori di lavoro di prendere decisioni critiche, dal decidere dove istituire uffici per determinare come distribuire, alloggiare e remunerare la propria forza lavoro globale. “

L’autorevole sondaggio di Mercer è uno dei più completi del suo genere al mondo e viene condotto annualmente per consentire alle società multinazionali e ad altre organizzazioni di compensare equamente i dipendenti quando li assegnano a incarichi internazionali. Oltre ai preziosi dati sulla relativa qualità della vita, l’indagine di Mercer fornisce valutazioni per oltre 450 città in tutto il mondo; questa classifica comprende 231 di queste città.

Zurigo

Quest’anno, Mercer fornisce una classifica separata sulla sicurezza personale, che analizza la stabilità interna delle città; livelli di criminalità; forze dell’ordine; limitazioni alla libertà personale; relazioni con altri paesi e libertà di stampa. La sicurezza personale è la pietra angolare della stabilità in ogni città, senza la quale il business e il talento non possono prosperare. Quest’anno, l’Europa occidentale domina le classifiche, con il Lussemburgo nominato come la città più sicura al mondo, seguita da Helsinki e le città svizzere di Basilea, Berna e Zurigo, congiuntamente al secondo posto. Secondo classificazione della sicurezza personale di Mercer 2019, Damasco classificato in basso in 231 ° posto e Bangui nella Repubblica Centrafricana ha segnato secondo più basso di 230 ° posto.

“La sicurezza dell’individuo è influenzata da una vasta gamma di fattori ed è costantemente in evoluzione, poiché le circostanze e le condizioni nelle città e nei paesi cambiano di anno in anno. Questi fattori sono cruciali per le multinazionali da considerare quando si inviano dipendenti all’estero perché considerano qualsiasi preoccupazione in merito alla propria sicurezza e possono avere un impatto significativo sul costo dei programmi di compensazione internazionali “, ha dichiarato Slagin Parakatil, Principal presso Mercer e Global Product Owner per il suo Ricerca sulla qualità della vita. “Per stare al passo con la qualità della vita in tutti i luoghi in cui il personale è schierato, le aziende hanno bisogno di dati accurati e di metodi oggettivi per aiutarli a determinare le implicazioni in termini di costo del cambiamento degli standard di vita”.

Monaco di Baviera

Ripartizione regionale Europa    

Le città europee continuano ad avere la migliore qualità di vita nel mondo, con Vienna (1), Zurigo (2) e Monaco (3) non solo classificandosi al primo, secondo e terzo posto in Europa, ma anche a livello globale. Ben 13 delle prime 20 località del mondo sono state prese da città europee Le principali capitali europee di Berlino (13), Parigi (39) e Londra (41) sono rimaste statiche in classifica quest’anno, mentre Madrid (46) è salita di tre posizioni e Roma (56) ne ha scalato uno. Minsk (188), Tirana (175) e San Pietroburgo (174) sono rimaste le città più basse in Europa quest’anno, mentre Sarajevo (156) è salito di tre posizioni a causa di un calo dei reati segnalati.

La città più sicura in Europa era il Lussemburgo (1), seguita da Basilea, Berna, Helsinki e Zurigo in seconda congiunta. Mosca (200) e San Pietroburgo (197) sono state le città meno sicure d’Europa quest’anno. I maggiori fallimenti dell’Europa occidentale tra il 2005 e il 2019 sono stati Bruxelles (47), a causa dei recenti attacchi terroristici, e Atene (102), che riflette la sua lenta ripresa dagli sconvolgimenti economici e politici in seguito alla crisi finanziaria globale.

LE CITTA’ ITALIANE

Milano e Roma sono le uniche due città italiane che figurano nella classifica mondiale. Come si sono posizionate quest’anno? Il capoluogo lombardo è a pari merito con Londra, mentre la capitale migliora.

LE PEGGIORI

A fare male quest’anno sono state soprattutto le città americane, dice Mercer: tutte hanno perso delle posizioni. L’unica eccezione è New York, salita di un posto (al 44°). La città americana con il miglior punteggio è San Francisco, in 34° posizione. In Asia, invece, Singapore ha la più alta qualità di vita, 25esimo posto a livello globale, seguita dalle giapponesi Tokyo e Kobe (49esime). Il record negativo a livello mondiale (le città prese in considerazione sono state 231) spetta a Baghdad (231esima), Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana, e la capitale yemenita Sanaa, rispettivamente 230 e 229.

Roma

Fonte: Mercer

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...